Scala Bernini

GIAN LORENZO BERNINI

scaloneBernini

Nel 1625, due anni dopo l’elezione di papa Urbano VIII, i Barberini avevano acquistato il palazzo e la vigna dal duca Alessandro Sforza per edificarvi il palazzo di famiglia coinvolgendo nel progetto i quattro maggiori architetti del tempo, Maderno, Borromini, Bernini e Pietro da Cortona.
Lo stile grandioso e trionfale dei Barberini, basato sull’enorme ricchezza della famiglia ma anche sull’amore per l’arte e le lettere, trova in Bernini espressione ideale, l’artista che corrisponde perfettamente ai gusti e alle intenzioni dei suoi committenti.

Contrapposto per posizione e stile allo scalone elicoidale del Borromini, Bernini progettò lo spettacolare scalone a pozzo quadrato nell’ala settentrionale dell’edificio.
Partendo dal piano più basso lo scalone doveva collegare l’ingresso principale sul cortile della Cavallerizza (distrutto nel ‘900 per la creazione di Via Barberini) con la già esistente scalinata che conduceva al livello del giardino e poi a salire al piano nobile e al piano superiore.
Le sue pareti sono decorate ai lati da statue della collezione Barberini.

GALLERIA NAZIONALE D'ARTE ANTICA. PALAZZO BARBERINI

La guida agevola il visitatore alla scoperta dei capolavori custoditi nella Galleria.
  • L. M. Onori - R. Vodret
  • Brossura, 16,5x23 cm, pp. 152, 133 ill. col.
  • € 14,00
ACQUISTA
Gebart SPA © All Rights Reserved - Partita IVA 03535681005